Bagnodoccia al pino

9,65 IVA inclusa

confezione da 200 ml

Categorie: ,
Monastero:
Possibilità di ritiro in bottega
Possibilità di ritiro merce direttamente in bottega
Varie modalità di pagamento
Pagamenti con carta di credito / Paypal, bonifico o alla consegna
Imballaggio protettivo per il trasporto
Imballaggio protettivo per il trasporto dei prodotti
Assistenza ordini via chat WhatsApp
Assistenza ordini via chat WhatsApp sempre disponibile

Descrizione

INCI:
aloe barbadensis leaf juice extract, aqua, coco-glucoside, sodium coco-sulfate, gauryl glucoside, decyl glucoside, glyceryl oleate, glycerin, pinus sylvestris leaf oil, menthol, hydrolyzed rice protein, polyglyceryl-2 dipolyhydroxystearate, citric acid, potassium sorbate, sodium benzoate, limonene.

Non contiene sodium laureth sulfate, parabeni, peg e ppg, coloranti, derivati del petrolio, profumi sintetici, viscosizzanti sintetici.

Detergente delicato, con tensioattivi di origine vegetale, in grado di combinare le proprietà rinfrescanti e rigeneranti dell’olio essenziale di pino, con quelle idratanti dell’aloe. Aroma balsamico e fresco, con olio essenziale 100% puro, naturale e totale di pino (pinus sylvestris) e mentolo naturale.

Prodotto artigianale, basato su ricetta dell’Antica Farmacia dei Monaci Camaldolesi e arricchito con le moderne conoscenze dei giovani Monaci erboristi.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.245 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Bagnodoccia al pino”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Speziale

Luca Bonafini, bresciano, classe 1982, ex monaco benedettino e ora titolare della Bottega de Lo Speziale. Per la sua originale esperienza, la sua poliedricità e curiosità intellettuale, ha partecipato ed è ospite in convegni, eventi culturali e programmi televisivi.

Produttore:

Antica Farmacia di Camaldoli

L'Eremo di Camaldoli, fondato nel 1012, e il Monastero di Camaldoli, fondato nel 1046, costituiscono la Casa Madre dei Monaci Eremiti Camaldolesi. Si trovano nel Comune di Poppi (Arezzo), all'interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.